domenica 12 marzo 2017

IMPARA L'ARTE E METTILA DA PARTE - corso di economia domestica

LE ISCRIZIONI SONO APERTE PER 
IL PRIMO CORSO DI ECONOMIA DOMESTICA 
DELLE GIUDICARIE ESTERIORI. 

GLI ORGANIZZATORI SONO QUELLI DELLA PRO LOCO PIANA DEL LOMASO 

5 INCONTRI DAL 18 MARZO AL 12 APRILE 2017
- BARMAN
 - CUCITO E RAMMENDO
- CUCINA
- GIARDINAGGIO
- COME AGGIUSTARE LA PROPRIA AUTO

ISCRIZIONI APERTE AL PREZZO UNICO DI 10 EURO!!
prolocopianadellomaso@gmail.com
3476738123



lunedì 20 febbraio 2017

Dai voce alle tue valli, Progetta il nuovo turismo delle terre alte!


Il Sussurro della Montagna

Un percorso di formazione rivolto a giovani innamorati del proprio territorio, desiderosi di guardare con occhi nuovi alle ricchezze e alle storie che la montagna sussurra alle sue genti, per imparare a condividerle e comunicarle agli altri. A chi è pronto a mettersi in gioco, coniugando creatività e professionalità, per entrare da protagonista nel mondo della valorizzazione turistica e culturale.
Un esperimento di innovazione che alterna il confronto con altre realtà di valorizzazione dei territori a momenti di didattica tecnica e laboratori di progettazione di eventi culturali nelle terre alte della provincia di Trento.
LE TAPPE DEL PERCORSO
24-25 marzo: Un viaggio di studio sull’Appennino bolognese, dove i partecipanti avranno l’opportunità di incontrare i promotori di IT.A.CA’ Festival del Turismo Responsabile e conoscere progetti innovativi che basano la loro attività sul potenziale della Montagna.


7-9 aprile: Un weekend di formazione sull’Altopiano del Tesino per imparare a riconoscere le potenzialità attrattive delle terre alte e a progettarne forme innovative di sviluppo.



Estate 2017: Realizzazione delle iniziative culturali progettate dai partecipanti, per compiere i primi passi verso nuove forme di imprenditorialità turistica.

CONDIZIONI DI PARTECIPAZIONE
Il percorso è rivolto a quindici giovani tra i 18 ed i 35 anni residenti o domiciliati in Trentino.
Ai partecipanti sarà richiesto un contributo spese pari a 40,00 euro, da versare al momento della conferma dell’iscrizione.
Con riferimento al viaggio di studio sull’Appennino Bolognese, l’Organizzazione si farà carico del trasferimento dei partecipanti con partenza e rientro da Trento, dell’alloggio e dei pasti, ad eccezione dei pranzi organizzati che saranno a carico dei partecipanti per una spesa prevista di ulteriori 35,00 euro, da saldare in loco.
In occasione del fine settimana di formazione sarà assicurato il transfer dei partecipanti da Trento a Pieve Tesino e ritorno con navetta, l’alloggio ed il vitto per l’intera durata delle attività.

Iscrizioni entro il 24 febbraio 2017


maggiori informazioni su www.degasperitn.it

mercoledì 15 febbraio 2017

Insediata a Tione la governance della Biosfera Mab Unesco Alpi Ledrensi e Judicaria

“Questo è un progetto di comunità, una grande opportunità di sviluppo per il territorio, un elemento che potrebbe fare la differenza, creando nuovi posti di lavoro in ambito ambientale e turistico. La Provincia, insieme alle amministrazioni locali, ci crede ed investe con convinzione in un progetto che non ha solamente un valore territoriale, ma anche internazionale”. Con queste parole l’assessore provinciale all’ambiente Mauro Gilmozzi è intervenuto oggi pomeriggio a Tione, presso il Consorzio BIM Sarca e Mincio, all’insediamento comitato esecutivo e del tavolo d’indirizzo della Biosfera MAB Unesco Alpi Ledrensi e Judicaria, dalle Dolomiti al Garda. 
La governance della Biosfera Unesco garantirà la più ampia partecipazione delle comunità locali nelle decisioni. Nel tavolo di indirizzo sono coinvolti non solo gli amministratori dei comuni, delle comunità di valle e del BIM, ma anche i rappresentanti locali delle associazioni provinciali degli allevatori, dei cacciatori e per la protezione dell’ambiente, l'Associazione Pro Ecomuseo della Judicaria e gli enti di promozione turistica. Vi sono poi i forum territoriali che garantiscono la partecipazione della cittadinanza e dei portatori d’interesse. 
“Da una parte – ha detto ancora Gilmozzi – si tratta di un’occasione imperdibile di conoscenza e consapevolezza, soprattutto da parte delle nuove generazioni, delle straordinarie risorse di cui disponiamo, dall'altra, questo progetto è un volano importante per far conoscere l’eccellenza di questo territorio fuori dai suoi confini”.

Nell'incontro di oggi si è entrati nel merito delle scelte attuative per far partire la Biosfera UNESCO ed in particolare all'avvio della progettazione del processo partecipativo connesso alla formazione del Piano di gestione e volto a definire i progetti cui destinare il 40% delle risorse finanziare complessive previste dall'accordo di programma. Un processo che, attraverso i due Forum territoriali della Biosfera UNESCO, coinvolgerà rappresentanti di categoria, associazioni e liberi cittadini, chiamati a confrontarsi in un grande laboratorio di idee e progetti con l’obiettivo principale di promuovere lo sviluppo sostenibile del territorio della Biosfera UNESCO. Un territorio dove si sono già sviluppati nel passato, anche recente, numerosi processi di sviluppo con un approccio dal basso, a partire dalle Reti di Riserve del Sarca (basso e medio-alto) e Alpi Ledrensi, e, prima ancora, con l’Ecomuseo della Judicaria e la Carta europea del Turismo sostenibile nel Parco Naturale Adamello Brenta.
Il programma MAB infatti, non vuole imbalsamare il territorio, porlo sotto nuovi vincoli o protezioni, ma al contrario premiarne l’eccellenza, ovvero la capacità di sviluppare, nel tempo, un modello di gestione equilibrato e non in contrasto con le attività economiche. I territori riconosciuti all'interno del programma MAB diventano un modello di sviluppo che può servire da esempio ad altre zone.
Il territorio a scavalco fra la Valle di Ledro e le Giudicarie esteriori ha ottenuto l'importante riconoscimento a Riserva della Biosfera MAB UNESCO il 9 giugno 2015, al termine di un percorso di candidatura avviato nel settembre del 2013. La designazione “Riserva della Biosfera” è una qualifica internazionale che viene assegnata dall’UNESCO, sin dagli anni ’70, all'interno del Programma MAB (Man and the Biosphere). Si differenzia dalla più famosa qualifica di Patrimonio dell'Umanità, perché il fine della Riserva della Biosfera, a dispetto del nome, non è tanto la tutela quanto la promozione dello sviluppo sostenibile. 
Dopo il riconoscimento, i sottoscrittori del Protocollo d'intesa a sostegno della candidatura, hanno lavorato alla definizione dell'accordo di programma e relativo programma finanziario triennale, andando a definire le azioni da mettere in campo nel territorio della Biosfera nei prossimi tre anni. Un lungo percorso di concertazione conclusosi il 1 dicembre 2016 con la firma dell’accordo che prevede, per il triennio 2017-19, un ambizioso programma di azioni, in parte già decise, sostenute finanziariamente da parte della Provincia, per complessivi 300.000 €, e dalle amministrazioni locali attraverso i due BIM (Sarca e Chiese) e le Comunità delle Giudicarie e dell’Alto Garda, per un importo complessivo di quasi 900.000 €.
(fm)

giovedì 2 febbraio 2017

INCIPIT "La Cassa Rurale" edizione 2017

INCIPIT e un progetto di mutualità innovativa de
La Cassa Rurale

volto a favorire l’inserimento lavorativo dei giovani locali,
attraverso lo sviluppo di progetti di studio e di ricerca

individuati in collaborazione con aziende ed enti locali. 
 

Il progetto è aperto ai giovani tra i 20 e i 35 anni  
iscritti ad un percorso universitario, di post-laurea e ai neo-laureati 
con l’obiettivo di rafforzare il legame fra giovani e territorio. 
Ai progetti accolti verranno assegnati incentivi fino a 5.000 euro. 

Scadenza bando 30 marzo 2017. 

Bando ufficiale, elenco dei temi proposti e modalità di candidatura su www.prendiilvolo.it.

 

martedì 24 gennaio 2017

IN.GIO.CO. PERCORSO FORMATIVO PER GIOVANI TRENTINI



Il percorso formativo dal titolo In.Gio.Co. - innovatori, giovani, competenti, è dedicato ai giovani del territorio trentino, agli operatori dei centri giovani. 

Il percorso è promosso dall’Agenzia provinciale per la famiglia, la natalità e le politiche giovanili della Provincia autonoma di Trento, con Impact Hub Trentino, al fine di creare una community di apprendimento che si confronti sull’innovazione possibile delle politiche giovanili.


Obiettivo del progetto è quello di riflettere e lavorare su temi molti attuali quali il riuso, la rigenerazione e la condivisione, al fine di rendere i giovani partecipanti attori e protagonisti del cambiamento, soprattutto nell'ottica di generare politiche giovanili davvero innovative.


Le tre tematiche chiave sulle quali i partecipanti si confronteranno sono:

• la rigenerazione strutturale e la costruzione di senso (sense making) di spazi da restituire alla comunità con funzioni di pubblico interesse, in qualità di beni comuni;

• la promozione di stili di vita improntati a una “normalità radicale”, ovvero a scelte e comportamenti ordinari che contengono nuovi paradigmi di economia e socialità;

• l'approccio alla collaborazione e alla condivisione come meccanismo primario di coordinamento e gestione di iniziative in campo culturale, sociale, politico ed economico (sharing economy).


- sono previsti 3 incontri della durata di 3 ore ciascuno più 1 incontro finale di restituzione, già messi a calendario a partire dal 23 febbraio p.v.;
- i posti a disposizione sono 50 totali;
- ci si può iscrivere fino al 6 febbraio 2017;
- il percorso è gratuito.

martedì 17 gennaio 2017

UN CORSO PER CAPIRE LA REALTA' - “SI GIOCA SUL SERIO! E TU CHE FAI?”:


IL 24 GENNAIO PARTE A BOLZANO IL PROGETTO DI COSTRUZIONISMO PER GIORNALISTI E UNDER 35

Prime attività del nuovo anno per gli 11 percorsi selezionati dalla Piattaforma delle Resistenze contemporanee 2017 in entrambe le province autonome. Martedì 24 gennaio a Bolzano, nella sede di Resistenze, la coop sociale Studio Comune organizza il primo di tre laboratori di LEGO® SERIOUS PLAY® e coaching costruttivista, che punta ad avviare azioni di responsabilità sociale con giovani under 35 e giornalisti.

Il percorso proposto dalla neocostituita cooperativa sociale Studio Comune vuole stimolare la riflessione con giornalisti e giovani sulla responsabilità sociale, attivando con loro pratiche concrete che permettono di entrare nel magico mondo del costruzionismo e parlare con le mani per esprimere le proprie aspettative.Abbiamo pensato di rivolgerci a queste due categorie  spiega Irene Visentini di Studio Comune  perché i mass media sono gli agenti principali nella trasmissione e comprensione della realtà in cui viviamo, mentre i giovani sono coloro che devono capire tale realtà per potervi agire concretamente e positivamente. I giornalisti parlano alla pancia, al cuore e alla testa delle persone, possono amplificare o smantellare le paure della gente, possono creare sensazionalismo e allarme, cavalcare e influenzare lopinione pubblica; ma possono anche scoprire e valorizzare buone pratiche, svelare aspetti nascosti e inusuali della realtà, diffondere informazioni utili e obiettive e reale conoscenza. Gli altri partecipanti ai nostri laboratori, i giovani, sono coloro che invece devono comprendere la realtà, trovare gli strumenti e disporre delle corrette fonti per interpretarla, in tutta la sua sempre più mutevole complessità.

I tre laboratori sul tema della responsabilità sociale si svolgeranno il 24 gennaio a Bolzano con i giornalisti, il 22 febbraio con giovani di Bolzano tra i 15 e 35 anni e il 1° marzo con giovani di Trento e saranno attivati con la tecnica LEGO® SERIOUS PLAY® che stimolerà riflessioni partecipate su di sé e sul contesto. Seguiranno poi sessioni individuali di coaching con ognuno dei partecipanti per accompagnarli nello sviluppo di un proprio piano dazione di responsabilità sociale. Uninfografica, sviluppata in modo condiviso con i partecipanti, illustrerà il percorso e il suo impatto in termini di azioni di responsabilità generate.

Quando: Martedì 24 gennaio dalle 9 alle 13
Dove: sede di Resistenze, via Torino 31 Bolzano
Iscrizioni: Per info e iscrizioni scrivere a info@studiocomune.eu. La partecipazione è gratuita, i posti sono 10 e saranno assegnati secondo i criteri di eterogeneità dei gruppi e data di iscrizione.

GLI ORGANIZZATORI. La cooperativa sociale Studio Comune, costituita a fine 2016 da Irene Visentini, Raffaela Constantini e Sofía Sánchez, ha origine e nello stesso tempo dà seguito ad una precedente iniziativa, ideata e curata nellambito del Festival delle Resistenze contemporanee 2015: Lalbergo dei circoli virtuosi, un percorso di co-progettazione di iniziative sociali per il riutilizzo e la rivitalizzazione di spazi altrimenti non usati.
Gli ambiti di attività di studio comune sono il lavoro, l’apprendimento e la collaborazione. La cooperativa offre spazi e servizi per il lavoro, la formazione e la conciliazione vita famiglia lavoro: creazione di un coworking con unagenda di eventi collaborativi ricca di occasioni di sviluppo sia personale che professionale, formazione, facilitazione e coaching sui temi dellinnovazione e della gestione del cambiamento; tutto ciò è supportato da un servizio di babysitteraggio in collaborazione con la cooperativa Coccinella. Anche durante i laboratori del percorso Si gioca sul serio! E tu che fai? è infatti prevista la possibilità di richiedere la cura per i propri bambini, facilitando così la partecipazione dei genitori (giovani under 35 e giornalisti).
Partner di progetto
Carmela Marsibilio, giornalista Rai Radio2
Blufink, impresa sociale altoatesina per laccompagnamento di processi partecipativi
Francesca Re di Sambaradio, radio comunitaria e studentesca di Trento


mercoledì 4 gennaio 2017

PRINT: IL BANDO PER CHI STA CAMBIANDO LE COSE

HAI FATTO QUALCOSA NEL 2016 COME SINGOLO CITTADINO O COME ASSOCIAZIONE/ENTE PUBBLICO CHE HA PRODOTTO CAMBIAMENTO NEL TERZO SETTORE DELLE GIUDICARIE ESTERIORI?
 
PARTECIPA AL BANDO, RACCONTATI E VAI AL SALONE DEL LIBRO DI TORINO!
 
SCADE IL 31 GENNAIO